Cre-attivity in-salad—Chapter 1

Boxarella: A spherical Mozzarella di Bufala d.o.c. with a tender heart of tomatoes
Voglia di insalta e di creare. Le ho messe insieme e ne ho fatto qualcosa di food&fun. Idea: riempire qualcosa di qualcosa. Di commestibile, intendo. Immagine in mente, istantanea. Ho la foto, la realizzo. Vado al supermercato, compro una mozzarella. Là, nel banco frigo, cerco tra le tante quella che più assomiglia all’immagine mentale. La devo scavare. Poi, la devo riempire. La trovo. E’ una mozzarellona di bufala campana Sapori&Dintorni Conad, confezione figa. Costa 3 euro, speriamo sia buona. Decido di comprarla solo per la forma. E’ una palla sferica perfetta. Compro pure i fiori di zucca, non so cosa ci farò però fanno molto colours&dish-decoration
            Torno a casa, svuoto il sacco. Tolgo tutto, prendo un coltello.  Scarto, svuoto la confezione dell’acqua di conservazione ed estraggo la palla. E’ perfetta, forma e consistenza giuste. Non mi sono mai cimentata in qualcosa di simile prima, ma vado sicura. La superficie esterna della mozzarella mi mette sicurezza, è forte. Mozzarella dal forte carattere. Tre euro tondi tondi. Conficco il coltello e inizio a togliere parti. Ne scavo una conca. E’ una mozzarella succosa, sembra tanto viva. Riempio quella fossetta con delle fette di pomodorini, è un nido. Ai più romantici regalo l’immagine di un cuore candido che apre uno spazio dentro sé per accogliervi l’amore. Per me, invece, ciò che prima era una creazione mentale ora è realtà tangibile, posso mangiare la mia specie di caprese multidimensionale.
 
 Un pensiero ai fiori di zucca. Se ne stanno là, tristemente impacchettati e abbandonati. Decido di poggiarli su un piatto largo, hanno i colori giusti per esaltare la mia boxarella. Ok, la creazione c’è. Scatto le foto. Manca la luce, chiunque può vederlo dalle immagini. E’ sera, ho una luce scarsissima in tutti i sensi nella stanza e al momento non saprei come rimediare. Sicuramente una soluzione è quella di fare foto con la luce naturale, di giorno. Provvederò. Finally, l’ho mangiata. Valeva tutti i soldi spesi e oltre a quello molto, molto più. Quest’idea rivoluzionerà il modo di pensare e fare insalate. Comporre e scomporre gli ingredienti e tutto quello che usiamo per prepararci il cibo non è altro che un modo per riflettere quello che siamo. 
Anyway, it was an ice day…

Annunci

Pubblicato da

Foodiana

Ho l'animo nomade, lo spirito mutevole, i piedi per terra, la testa per aria e le mani nel digital. {food lover, addicted to social media, art and travelling} Paris - Turin - Sicily

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...