Strawberry fields for breakfast

Il posto delle fragole è una torta…

sfornata alle prime luci del mattino…
 
L’inverno sembra essere passato e il sole ormai entra in cucina prima delle otto del mattino. Ho festeggiato il pre-spring con le fragole. Rosse, succose e profumate. Simbolo della fresca stagione, frutti perfetti per ritrovare il gusto di un’energia luminosa e nuova. La fragola avvolge e risveglia l’organismo, tonificando la mente e riattivando i sensi. Avevo proprio voglia di un bel po’ di fragole e di assecondare il mio bisogno di rinnovamento. Cambiare. Si passa ad altra frutta. Ho deciso di fare qualcosa di dolce, una composizione che uscisse fuori dai soliti schemi in cui  trova posto la fragola e cioè macedonia di fresca di frutta e torta con panna. Avevo voglia di qualcosa di soft per facilitare il risveglio. Mattonelle morbide allo yogurt e fragole
La giornata è fatta di piccoli pezzi.
Due barattoli di yogurt, uno ai frutti di bosco, l’altro alla fragola, due uova, farina, zucchero e lievito, 400 gr di fragole. Niente burro. Ho messo il mix in una teglia rettangolare, e poi il tutto nel forno per una ventina di minuti

Ho gustato le mie mattonelle a colazione, durante quel momento che per me è un sacro rituale quotidiano. In questo caso, trattasi del Red&Breakfast. Il rosso attiva il pensiero, stimola la positività e le emozioni. Ne avevo particolare bisogno dato che in questo periodo così intenso faccio sempre più fatica a ritagliarmi uno spazio per me. Nel rituale della colazione esprimo la  necessità di ritagliarmi i miei tempi, i miei gusti e i miei colori. E’ uno dei miei pochi spazi di espressione come voce singola. Tutto il resto è massa informe, caos quotidiano.

Il sapore delle fragole mi ha ridato un’ondata di energia nuova, pulita. Mi sono lasciata avvolgere dalla luce mattutina catturata dalla mia torta sofficissima e dalla potenza cromatica del rosso che, allagando la mia mente ancora sonnolente, mi ha permesso di staccare dai soliti pensieri stanchi. E mentre stamattina mi godevo quel momento di felice solitudine meditativa e pace interiore, mi sono sentita per un attimo così vicina al mondo, a tutte le persone che come me rincorrono i propri piccoli spazi per respirare e rigenerarsi. E a tutti quelli che in quel momento stavano facevando colazione, chi di fretta, chi con molta più cura della mia. Qualcuno non avrà mangiato nulla, altri avranno bevuto solo solo un amaro, triste caffè nero.





Annunci

Pubblicato da

Enza Maria Saladino

Ho l'animo nomade, lo spirito mutevole, i piedi per terra, la testa per aria e le mani nel digital.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...