Colazione per Cinefili ~ La vita di Adele

Adèle: I miss you. I miss not touching each other. Not seeing each other, not breathing in each other. I want you. All the time. No one else.

Secondo appuntamento con la rubrica “Colazione per Cinefili” dedicata a tutti quelli che amano due cose: la colazione, farla bene intendo, e i bei film, i buoni film. Leggere di un film, quasi come vederne degli spezzoni a colazione è uno dei modi migliori per iniziare la giornata, speci e se la giornata in questione è un lunedì. Spero quindi di allietare il vostro lunedì, la vostra colazione, e di offrirvi qualche spunto di riflessione in tema film, in tema vita e amore in generale.

Prima di iniziare a parlarvi di Adele, del film, di me che guardo il film, di me che amo questo film, vi lascio con un’immagine. Si tratta della colazione di ieri da Giselle, a Wroclaw. Di Giselle e dei miei brunch ve ne parlerò in un altro momento. In questo caso però, c’è una relazione tra il film e Giselle. Siamo di fronta a un esempio di boulangerie francese a Wroclaw, e il film è ambientato in Francia, a Lille.

e

Oggi parliamo di Adele, perchè dopo aver visto il film, una parte di me la ama e qualcosa in me è cambiato, proprio nel modo di vedere le relazioni e di guardare a se stessi.

Perchè dovreste vedere questo film? 

Cerco di darvi alcune buone ragioni. Il film ha vinto la palma d’oro al festival di Cannes, il riconoscimento più importante nel mondo del cinema. Protagonista è l’amore al femminile. Due lesbiche, Emma e Adele, e il loro incontrarsi, vivere insieme, separarsi. Il tutto è raccontato con una mano estremamente realista, alla quale si aggiungere la bravura delle attrici, Adele in particolare. Il regista francese mette in scena un tema difficile, un muro con il quale molti di noi si scontrano e preferiscono non vedere piuttosto che scavalcare.

Il film, invece, porta lo spettatore a scontrarsi violentemente contro questo muro, grazie alla naturalezza del racconto e alla capacità di Adele di mostrarsi in tutte le sue infinite sfaccettature di ragazza, che la rendono così vera. Ci si scontra contro il tabù dell’omosessualità, quella tra donne. Si mette in scena un’umanità mai sazia di piacere, che ricerca la bellezza, il gusto, il corpo e la passione.

Adele ama, è passionale all’ennesima potenza, cerca qualcosa, lo trova nella ragazza dai capelli blu. Ne viene stregata, se ne innamora. Questo è un amore carnale, imprescindibile dalla relazione corporea. Il loro amarsi, viene mostrato e sbattuto in faccia quasi, allo spettatore che non può mostrarsi indifferente a quelle scene. Adele ed Emma sono nude, fanno l’amore, costruiscono la loro relazione sull’attrazione fisica e mentale. È il colpo di fulmine, il pugno allo stomaco che porta al di là di ogni razionale comprensione.

Non voglio raccontarvi la trama per intero, voglio solo darvi una mia impressione e qualche motivo per vederlo. Parlare di sentimenti spesso è troppo ma non è mai abbastanza. Questo film offre miliardi di sfaccettature, che passano anzitutto attraverso la protagonista dalla quale è quasi impossibile staccarsi. Io mi sono identificata molto in lei. Nella sua ricerca del piacere nella vita, nell’amore per il cibo, nel suo essere naturale e presentarsi all’esterno per come effettivamente lei è. Il tema del cibo è molto forte e stringe la mano al tema passione-ossessione sessuale. In entrambi i casi parliamo di bisogni umani nati dall’istinto primordiale che ci porta verso la ricerca incessante del piacere. Anche per questo il film è vero, nel suo mettere in scena l’umanità nella sua crudezza. L’ossessione di Adele per gli spaghetti alla bolognese si completa nell’ossessione per il corpo di Emma, che agli spaghetti preferisce le ostriche.

Il contrasto tra le ragazze è forte e forse proprio da questo deriva il loro attrarsi. Una l’artista che vive nel suo modo distaccato dalla concretezza e dall’ordinarietà quotidiana, l’altra la ragazza quindicenne che sogna di fare la maestra d’asilo e legge moltissimo.

Dell’amore ci si nutre, di amore si cresce e succede che l’amore finisce.

Nel loro caso avverranno degli eventi che le porteranno al capolinea della loro relazione. La storia si ripete.  Altro tema dominante è la storia d’amore con l’artista e la difficoltà di entrare nel suo mondo fatto di canoni, leggerezze, regole quasi ferree e la non accettazione della normalità, quel mischiarsi con la folla. Adele lo fa, ha un lavoro che ama, ma si sente esculsa dalla vita di Emma e dalla sua cerchia di amici intellettuali e galleristi. Come andrà alla fine? È un continuo alternarsi di flashback e flashforwad che lo caratterizzano a livello estetico. Il film si fa vedere. Non è il caso che mi inserisca ancora illustrandovi altre scene o dettagli, e spero  che nel guardalo lasci qualcosa anche a voi. Perchè guardare buoni film, come leggere un buon libro non è mai abbastanza. Invece di buone storie d’amore, come quella di Adele, il mondo ne è povero. Quelle esistenti e narrate, sono insufficienti. Lo saranno state anche le mie parole, per cui chiedo scusa se sono stata anche banale a tratti, ma scrivere per me è un po’ quel flusso di coscienza Joyciano: il viaggio, l’incertezza, le chiacchiere della quotidianità.

Spero abbiate fatto una buona colazione e che qualcuno abbia trovato un buon motivo per vedere questo film. In quanto a chiacchiere ho qui finito. Vi lascio con il trailer e con una settimana che è appena iniziata.

Annunci

Pubblicato da

Foodiana

Ho l'animo nomade, lo spirito mutevole, i piedi per terra, la testa per aria e le mani nel digital. {food lover, addicted to social media, art and travelling} Paris - Turin - Sicily

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...