Voglia di Focaccia

Succede, ogni tanto. E succede che io mi cimenti nell’impresa di farla, con le mie mani. Quando questo accade è perché ho trovato una ricetta semplice da fare, ma soprattutto veloce! Ed è quella che sto per dirvi e consigliarvi, perché, credetemi: è fantastica! Il risultato è una focaccia morbida e buonissima. Lo so, mi esalto facilmente, ma io sono una pasticciona e l’ultima volta che ho provato a fare la pizza il risultato è stato a dir poco scandaloso. Lo dico.

Oggi però celebro un successo, la buona riuscita della focaccia!

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Ingredienti:

400 gr di farina bianca

250 ml di acqua

1 bustina lievito per pizze Mastro Fornaio

2 cucchiai di olio

un cucchiaino di sale

1 cucchiaino raso di zucchero

pepe, origano

1 mozzarella a dadini

Preparazione: Mescolare insieme la farina, sale, zucchero e lievito. Aggiungere 2 cucchiai d’olio, l’acqua, la mozzarella a pezzetti, origano e pepe. Amalgamare con una forchetta per qualche minuto.

Ricordatevi che nel mentre occorre portare il forno a 250° prima di informare la focaccia.

Stendere su una teglia rotonda 24 cm di diametro, con un po’ d’olio alla base.

Infornare per 15-20 minuti e servire!

Veloce, no? Ma anche buona. Parola di Foodiana

SAMSUNG CAMERA PICTURES

SAMSUNG CAMERA PICTURES

SAMSUNG CAMERA PICTURES

Annunci

A cena da Don Gennaro

imgpDon Gennaro è dire casa. Uno di quei luoghi in cui vai e ti affezioni, al cibo e alle persone. Per cui, scrivendo di questo posto e del cibo che qui ci servono, sarò di parte. Quello che posso dire è che quando si ha voglia di mangiare qualcosa di buono, che sia la pizza in questo caso, si sceglie sempre in base alle esperienze positive avute. E qui le esperienze positive vanno al di là dell’essere serviti bene, dell’essere accolti da quell’atmosfera familiare, dagli amici, dall’odore di pizza vera che inebria il locale.

Essendo una pizzeria napoletana (i proprietari e il pizzaiolo sono napoletani doc) il menù è prettamente napoletano, con un’ampia selezione di pizze, focacce, fritti napoletani e dolci. Non mancano gli antipasti, i primi e i secondi piatti fuori menù, con una selezione che comprende il pesce e la carne. Tra i miei piatti preferiti il branzino al forno e l’impepata di cozze. In questo caso si tratta di un menù vario, servito in base alla stagionalità delle materie prime.

Ma torniamo alle pizze, fiore all’occhiello di questo ristorante. Davanti al menù vince l’imbarazzo della scelta. La lista è lunghissima, i piatti invitanti. Qui vi mostro alcuni esempi, direttamente dalla cena di ieri sera.

 

 

Don Gennaro si trova in Corso Novara 1  a Torino. Lo trovate qui su Facebook e se avete domande o curiosità scrivetele pure nei commenti e sarà un piacere per me rispondervi sperando che possa esservi d’aiuto!

Vi auguro intanto buona Pasqua, e non vedo l’ora di leggere quello che avete cucinato/mangiato per l’occasione.

Foodiana

1.2.3 #Foodstories torinesi

Riapro un capitolo di vita di Foodianesimo dopo mesi di assenza. Chi mi conosce sa che una delle cose che faccio più spesso è spostarmi, cambiare città, vivere in posti diversi e viaggiare per vivere. Vivere è anche mangiare e fare esperienze foodiane, come quando sono stata in Cina e ve ne ho raccontato, oppure in Polonia, parentesi importante della mia vita. Ecco, raccontarvi della Polonia è stato fare un viaggio nei sapori e nei gusti di una cultura diversa, a suo modo calda, a suo modo buona.

Capitolo chiuso se ne apre un altro in quel di Torino. Vivo qui da maggio, facendo un altro lavoro, frequentando nuova gente, mangiando nuove cose. La città mi sta piacendo moltissimo, mi ha accolta nel migliore dei modi e mi sta dando tanto. Vorrei quindi condividere con voi quest’altro capitolo della mia vita con una piacevole incursione in alcuni luoghi cari che mi hanno dato calore e buon cibo. Vi mostrerò tre piatti di tre posti diversi per invitarvi a scoprirli piano, intanto che prossimamente vi parlerò di altro.

Sto andando in avanscoperta, la città mi attira a sé e mi invita a entrare nei suoi angoli perché vuole offrirmi un momento, vuole servirmi qualcosa e mostrarmi il lato di sé che più amo. Così facendo, scopro una Torino dal fascino antico che ha fatto suoi i concetti della semplicità e della riscoperta dei sapori genuini rivisitando i piatti della cucina tipica in chiave moderna, adattando alcuni concetti della cucina globale ai suoi angoli di vita unici e tipici, che solo qui esistono, in questo spazio di mondo.

  1. Lo Stonnato

Ristorantino in via Baretti, al centro della movida di San Salvario, quartiere in cui vivo. Qui ho cenato per la prima volta non appena arrivata a Torino e dai allora è tappa fissa. Il locale è accogliente e ben curato nei dettagli, a partire dal lettering che personalmente amo moltissimo. Il menù è minima, principalmente a base di pesce, ma scegliere tra le diverse “pizze al tegamino” è un’impresa. La prima volta provo la tanto osannata burrata: pizza al tegamino con pomodoro, basilico e burrata al centro. Ottima. Impossibile da finire se non condivisa. Ve ne condivido qui un pezzo:

Tra i vari piatti che ho avuto modo di provare (tartare di pesce, fritto misto e secondi) il più buono per me è la chitarra alla sarde con burrata e pan grattato.

View this post on Instagram

Piatto 🔝 #foodlove

A post shared by Enza Maria Saladino (@therealfoodiana) on

 

2. Teapot Tisaneria

Ho scoperto questo posto per caso, perché si trova esattamente nella mia stessa via, perché è molto carino e perché c’è sempre tanta gente. Qui ho avuto modo di fare brunch una domenica mattina, sorseggiando un caffé americano. Atmosfera rilassata, arredi vintage e tavolini in legno invitano a prendersi una parentesi per sé nel weekend. Cibi biologici e green.

 

3.Tre galli

Uno dei posti più buoni in cui abbia mai mangiato, al centro del quadrilatero torinese, offre un menù vario che stuzzica il palato, dall’antipasto al dolce. In realtà si tratta anche di un’ottima vineria, scelta dai più per un aperitivo post lavoro o una pausa pomeridiana intanto che si passeggia per il centro della città. Consiglio vivamente l’hamburger, servito con deliziose patate al cartoccio.

 

Lascio chiunque di voi libero di condividere qui le sue storie invitandomi a visitare nuovi posti a Torino in cui ci sia poesia, ma anche arte, vino e cibo buono.

Alla prossima!

Foodiana

 

3 piatti, 2 città, 1 stagione: come vi servivo l’inverno prima

Il senso di un blog è anche quello di fare un discorso che riprende i temi passati e li ripropone. Oggi voglio proporvi alcuni piatti, 3 primi piattiche ho preparato durante gli inverni passati vivendo tra Roma e Milano. Sfogliando queste pagine ho fatto un salto indietro nel tempo. È sempre piacevole tornare indietro rivivendo anche per un attimo tutte le emozioni di quella giornata. Ho impresse come fotografie tutti i momenti del mio vivere lì. Le mie avventure, gli amici ritrovati e quelli che non se ne sono mai andati. Durante il periodo romano ho conosciuto quelli che ora sono i miei migliori amici. Sono ritornata a Roma dopo una pausa di un anno a Milano, una delle parentesi migliori della mia vita. Viaggiare in lungo e in largo per l’Italia, conoscere culture paesane diverse, passeggiare un po’ per il Duomo, un po’ per i Fori imperiali, mi è servito ad arricchire il mio bagaglio interiore. La mia fonte di ispirazione è sempre viva, c’è sempre stata e non è mai andata.

Ogni tanto ho nostalgia, ma fa parte del gioco. Adoro le mie città, quello che mi hanno regalato, e ciò che sono adesso per me. Adoro com’ero in quei giorni lì, adoro vedere che sono cambiata. Faccio una carrellata lungo la strada dei miei cambiamenti e vi servo i miei piatti, quelli che ho preparato tempo fa’, quando faceva freddo, quando vivevo con persone diverse, quando il mio blog non aveva fissa dimora e spesso ho passato lunghi periodi senza scrivere nulla.

Quelle che trovate qui sono ricette complete. C’è molta fantasia anche, improvvisazione e poesia. Tre ricette. Temi comune: verde, carboidrati, creatività e sentimen ti. Vi servo tutto questo sul piatto, fatene buon uso.

Fusilli Broccoli e Noci

After the Snow: HUNGRY!Piatto romano dell’inverno 2012. Quell’anno a Roma nevicò e le rovine romane avevano un fascino particolare, indimenticabile. Tornai a casa dopo una passaggiata in centro a fotografare con la mia Reflex. Dopo aver fatto una bella spesa in uno dei tanto amati supermercati italiani, preparai questo piatto.

….Ho tagliato i broccoli verdi a pezzettoni e li ho cotti al vapore. Intanto ho fatto rosolate la salvia in un filo d’olio, poi ho scolato i broccoletti e li ho mescolati per bene alla salvia. L’accoppiata broccoli-salvia genera un aroma unico. In genere la salvia viene utilizzata da sola perchè ha un aroma talmente forte da annulare quello degli altri cibi cui viene abbinata. Nel mio caso, ha migliorato l’odore post-cottura dei broccoli, amalgamandolo con il proprio. Ho scelto dei fusilloni napoletani, belli grossi anch’essi. Dopo averli scolati ben al dente, li ho fatti cuocere per un minuto in padella con i broccoli e la salvia, intanto che aggiungevo un po’ di gherigli. A piatto ultimato, un attimo prima di spostare il tutto nel piatto, ho aggiunto un cucchiaio di panna da cucina, giusto per ammorbidire il tutto e creare una velatura soffice.”

Risotto al gorgonzola con cavoletti di bruxelles e mele

Love at first taste.

C’è molta poesia in questo post del marzo 2012. Raccontavo una favola, la storia del gorgonzola, personaggio intenso e dal carattere umido. Così lo definivo. C’erano poi i cavoletti, verdure carine da vedere nella loro rotondità, ma che ho snobbato per quasi 20 anni. Li ho messi insieme, ne ho fatto un piatto poetico.

Ho preparato il risotto carnaroli al gorgonzola, unendo qualche fogliolina di cavoletto. Dopo averli cotti al vapore, ho adagiato i cavoletti su un piatto al centro del quale ho messo il risotto. Non ho aggiunto altri formaggi, nè burro, nè brodo. Un risotto semplice, fatto con l’acqua di cottura dei cavoletti e il gorgonzola. Infine ho completato il piatto con qualche fetta di mela golden. In questo piatto i contrasti gustativi e olfattivi restituiscono equilibrio al gusto. Il sapore intenso del gorgonzola e il dolce aroma della croccante golden si abbracciano in un quadro soft e delicato, accentuato a livello visivo dai cromatismi freddi bianco-verde. Il leggero tocco dorato della mela ammorbidisce i toni risaldando la mantecatura del riso e regalando freschezza al piatto.
Se volete leggere la morale finale, andate dritti al post.
gnocchi
Piatto milanese. I miei gnocchi grandi, rustici, buoni. Non li ho più rifatti da allora, non chiedetemi perchè. Adoro questo post e vi consiglio di leggero direttamente dalla pagina dell’1 novembre 2012. Sono passati 2 anni da allora, ho forse perso un po’ di poesia nella preparazione dei miei piatti mi sa.
Gli gnocchi sono semplicissimi da realizzare e richiedono un rapporto molto “tattile” con il cibo. Tutto inizia dall’impasto. Non c’è una regola unica, si tratta di un momento personale e intimo. Ho aggiunto farina, uovo, spinaci, noce moscata e sale. Ho rigirato il composto con l’aiuto della forchetta. Deve essere di densità media, abbastanza morbido ed elestico. La cosa bella da vedere, sotto agli occhi, è assistere al cambiamento della sostanza, la pasta che prende forma. E, successivamente, altro spettacolo: la trasformazione in seguito all’incontro col bollore dell’acqua salata.
I consigli finali erano questi

Gustare da soli o in compagnia e farlo molto, molto lentamente. Perchè si conservi il ricordo, infatti, è necessario allungare il più a lungo possibile i secondi che viviamo. Altrimenti tutto sfugge, si perde il valore del gusto e non si assaporano le sensazioni.

 Il cibo regala pura poesia a chi vuole ascoltare.

Buon viaggio amici.

L’autunno è una nuova primavera. Vi servo gli spaghetti.

“Autumn is the hardest season. The leaves are all falling, and they’re falling like they’re falling in love with the ground.”
Andrea Gibson

Ho deciso di cucinare come non accadeva da un po’ di tempo. Finalmente. Non ci sono più scuse, adesso ci sono io in primo luogo e davanti al mio piatto. Davanti al mondo. Alcuni lo sanno, altri non lo sanno (quindi adesso lo sapranno) che ho passato un periodo nero. Il nulla, il vuoto totale, il buio prima e dopo la siepe. Non riesco con esattezza a dire quanto questo periodo sia stato lungo. Forse 3, forse quattro mesi. Circoscriverlo non è possibile e mi fa paura. Riconoscerlo e affrontarlo è quel che ho fatto per riprendermi me stessa. Durante questo periodo ho affrontato una crisi creativa e comunicativa. Non scrivevo, non raccontavo. In questo posto non esistevo. E questo non deve più esistere.

Questo blog è nato più di due anni ed è il mio diario pubblico. Nel tempo ho conosciuto voi, vi ho letto, mi avete letto e ci siamo virtualmente conosciuti. Quello che è nato come un esperimento universitario, un salto nella rete, è adesso una parte di me online e offline. Da questa presa di coscienza voglio partire. Questo sarà il mio credo. Qui c’è una parte della mia creatività e della mia vita. Non scriverei qui se non ci foste voi. Per questo vi ringrazio, sia per le favole che leggo, le vostre, sia per i deliri (i miei) che trovate di tanto in tanto sul vostro feed. Finora ho scritto poco, non abbastanza per quanto avrei voluto. Disagio esistenziale a parte, scomparsa dagli schermi per una serie di lunghi mesi, non ho mai realizzato quanto importante fosse questo spazio. Qui e ora.

Adesso che sono ritornata e ritornata in me, ho in mente altre cose e dei progetti su cui lavorare. Ma per prima cosa, ho intenzione di cucinare. Riprendere a farlo come facevo prima. Scoporre, ricomporre, accostare e inventare. Questa è la cucina: creazione e scomposizione di processi creativi. Il cibo è la materia prima, i miei processi interiori sono gli utensili, i ferri del mestiere. Per dimostrarvi che sono di parola, vi lascio con una ricetta foodiana.

Screen Shot 2014-11-03 at 11.08.24 PM

Perchè questi elementi? Semplicemente li ADORO. In inverno mangerei sempre e solo funghi. Zuppe in primis. Fortunatamente qui in Polonia è facile ordinare una buona zuppa. Tutto questo fa parte della cultura culinaria polacca. Vi prometto un post sulle zuppe polacche, che meritano, riscaldano e vanno conosciute.

Comunque sia, ho accostato i funghi (i cardoncelli) con del cavolo. Li ho fatti stufare insieme con un po’ di cipolla per una decina di minuti aggiungendo un po’ d’acqua. Intanto ho cotto la pasta che ho aggiunto alla padella dei funghi una volta pronta. Per finire, a fuoco spento, ho saltato gli spaghetti caldi con del gorgonzola dolce a cui ho aggiunto del pepe nero e prezzemolo. Il risultato è stato come lo avevo immaginato. Il mio primo invernale di una lunga serie (e di un lungo inverno che sta per arrivare) è servito.

Screen Shot 2014-11-03 at 11.08.36 PM

Spaghetti autunnali: funghi, cavolo, gorgonzola

We love arancini!

Anzitutto chiedo perdono a chi stava aspettando questo post da tempo. 

Sono pessima, lo so! Però sono qui, adesso. E sto per raccontare questa storia. Quindi, non importa se sono passati più di 2 mesi dalla preparazione di queste perle per il palato; l’importante è scriverne. ORA.

Non so come impostare questo post, quindi farò un po’ come nelle fiabe.

Tutto ebbe inizio in un pomeriggio di marzo. Aveva piovuto a Milano, direte: beh, nulla di nuovo. E anche questo è vero. Però, dopo la pioggia, quando arrivano le schiarite e magari sta anche tramontando, il cielo regala sfumature come questa:

Immagine

Beh, quel pomeriggio mi dilettavo nella preparazione di un piatto promesso da sempre ai miei amici: i famosi arancini (rigorosamente siciliani, le altre sono solo imitazioni). 

Prima di passare alla fase in cui mostro in maniera mooooolto approssimativa come li ho preparati, è bene che mostri una foto del risultato. Fantastico (a detta degli altri)Immagine

Ecco il Re degli arancini, tondo e dorato. Perfettamente panato, fritto e super condito. Avrete già l’acquolina in bocca, succede. 

La preparazione è molto semplice, mi viene da dire. Però, è necessario essere assolutamente del mood giusto e prendere le cose in maniera divertente. Vi dico che alcuni avevano delle crepe. Va bene anche così 🙂

Passiamo alla preparazione. Bisogna anzitutto preparare il risotto. Semplice, con brodo e zafferano per dare il caratteristico colore giallo. Ovviamente dipende da gusti e preferenze personali. In cucina bisogna SEMPRE lasciarsi guidare dall’istinto creativo e dal proprio palato che non mente. Mai. 

Immagine

 

Aspettate, quindi, che il risotto diventi morbido e assorba il brodo. Fate mantecare bene con burro e parmigiano e poi lasciate raffreddare.

Intanto passate alla preparazione del ripieno. Io ho preparato un ragù, però volendo si possono farcire con qualsiasi cosa! Non starò qui a raccontare della preparazione del condimento. Piuttosto, vi consiglio di preparare un sugo piuttosto denso e aspettare che tutto si raffreddi: riso e condimento. 

Poi bisogna prendere parte del riso e stenderlo su una mano. Fare una piccola conca, riempire con parte del ragù, ricoprire e arrotolare con altro riso. Provate a farli piccoli all’inizio, così eviterete lo stress da rottura. Successivamente passate la palla formata nell’uovo, poi nel pangrattato. Abbiamo già finito, l’ho fatta proprio semplice, eh? XD

Infine, basta friggerli, poi mangiarli caldi! E soprattutto, GODERSELI! Perché il fritto è una cosa che bisogna pur concedersi ogni tanto, e gli arancini fatti a mano da mani sicule sono rarità che capitano poche volte nella vita (forse solo una). 

Immagine

PS: quella sera, a tavola, c’erano anche gnocchi dolci fritti. Diciamocelo, non ci siamo fatti mancare niente. 

 

Avocado and Lemons make a dish human!

ImmagineQualche giorno fa è uscita la mia super ricetta su Scatti di Gusto: http://www.scattidigusto.it/2012/09/28/ricette-semplici-fantasia-davocado-ma-con-gli-immancabili-spaghetti/ . La ricetta quindi, la vedrete in questo link. Qui invece scriverò un po’ di me, del mio mood e delle sensazioni che hanno riempito questo piatto…mostrandovi altre foto del piatto so cool 🙂

Questo è per me un periodo di grande cambiamenti. I moti interiori sono tanti, il mondo fuori corre a mille e io ce la sto facendo. Sto cambiando, avverto qualcosa di buono. Ogni passo che faccio mi dice che sto andando nella direzione giusta. Sto riuscendo a far pace col passato e tutto sembra più luminoso adesso. Questo è un piatto pieno di luce, di speranza, di freschezza. Come sempre, ogni volta che preparo qualcosa metto del mio, che sia anche un ricordo o un’emozione colta al volo. In questo primo ci sono diversi ricordi. 

C’è un po’ di Londra, ricordi della mia coinquilina Thailandese che mangiava l’avocado a colazione. C’è un po’ delle mie amiche, persone che sono andate via dalla mia vita e che amavano la feta e me l’hanno fatta amare. C’è un po’ di malinconia, un pizzico di tristezza perchè ho preparato questo piatto mentre vivevo con persone per me sbagliate, con cui non mi trovavo. C’è un po’ di mia madre che d’estate prepara l’uovo sodo, uno a testa da mangiare insieme all’insalata. C’è un po’ di mio padre che ama gli spaghetti. 

C’è un bel po’ di gente in questo piatto. 

Immagine

 

Immagine